domenica 14 maggio 2017

La creatività langue e io leggo.....

Ciao bloggherine,
ormai sono sei mesi che non creo più, non c'è una ragione particolare, semplicemente non ho ispirazione. Mi capita ogni tanto, mai per sei mesi però....Non so da cosa nasce questa apatia creativa, forse dall'ultimo mercatino, dall'aver lasciato il mio ruolo di rappresentante regionale liguria, forse dal vedere che sugli e-commerce si ripresentano sempre gli stessi nomi, forse perchè le creazioni sono tutte simili, non so, forse sono solo io ad essere sfiduciata. Ma il risultato non cambia e allora quando la creatività non avanza io leggo ed è proprio di questo che voglio parlarvi. Il nuovo libro che vi voglio presentare si chiama:



Siamo in Irlanda nel 1984, è agosto ed è pomeriggio. Tre ragazzini lasciano le loro biciclette per andare a giocare nel bosco vicino come ogni giorno, ma quella sera non tornano a casa. Uno solo viene ritrovato, in stato catatonico, avvinghiato a una quercia e le scarpe completamente sporche di sangue. Dei suoi amici nessuna traccia e lui non ricorda nulla. Dopo 20 ritroviamo quel bimbo superstite come Detective della Omicidi di Dublino e ha l'incarico di indagare sulla morte di una ragazza di 12 anni uccisa nelle vicinanze di un sito archeologico alla periferia della città. Ma quel luogo è dove è stato ritrovato privo di memoria, il posto dove mai avrebbe voluto ritornare. Che ci sia una connessione tra il suo caso e la sua vita? Questo è un thriller psicologico, travolgente, emozionante, intenso, dove azione e suspance si affiancano perfettamente per creare una trama che vi terrà incollati.....