giovedì 5 gennaio 2017

Ci riprovo

Rieccomi con i buoni propositi per il 2017. In realtà nel 2016 ho scritto poco, ma ho fatto molto al di fuori del blog, ho studiato tanto e avviato nuovi progetti, fatti mercatini che mi hanno dato soddisfazioni ed ho allargato le mie vendite e le mie produzioni, modificando anche la tipologia. Però è innegabile che questo blog l'ho proprio trascurato e allora nell'anno che è iniziato mi sono ripromessa di scrivere almeno una volta a settimana. Ero partita con una volta al giorno, ma mentire non è un buon inizio.......

Ma andiamo subito ad iniziare e oggi voglio parlarvi di un libro che ho appena finito di leggere.

Qui si parla di una azienda milanese, Python, impegnata nella ricerca scientifica e della sparizione di Lamberto Cossali, dirigente dimissionario della citata azienda e da qui partiranno una serie di drammatici eventi. Leonardo Giannini, fondatore dell'azienda, teme che dietro la scomparsa del suo dirigente si celi qualcosa di importante, perciò chiede a Tobia Allievi, ispettore dell'Europol di Londra e amica di famiglia, di indagare infiltrando due agenti della sua squadra. Nel frattempo, Boris Ripchenko, anziano maestro di scacchi in vacanza a Madonna di Campiglio, inizia a ricevere delle lettere anonime con strani messaggi legati al mondo degli scacchi e quello che alle prime sembra solo un gioco si rivela essere un filo che lega ogni missiva ad un omicidio che si compirà a Milano.Gli indizi sembrano puntare su Cossali, ma il commissario non crede sia la verità, pensa al contrario che la stessa azienda nasconda l'assassino e le ragioni che lo muovono.  Questo libro è il secondo che i gemelli Ripa scrivono (Melodia Fatale è il primo) e non è di facile lettura, o almeno non lo è stato per me, bisogna conoscere almeno le basi degli scacchi e sicuramente qualche nozione di medicina e chimica bisogna possederla, però è stimolante e sicuramente è un libro che mi sento di consigliare perchè intrigante, quanto meno la trama non è scontata.
Spero che vi abbia fatto piacere leggere questo post e se qualcuno ha letto il libro da me citato e volesse darmi la sua opinione ne sarei felicissima.