giovedì 22 gennaio 2015

Inaugurazione di una nuova rubrica

Ciao bloggherine, ho deciso di inaugurare una nuova sezione del blog, una nuova iniziativa insomma.....i libri. Io leggo tantissimo, di tutto ed essendo un mio hobby ho pensato che a qualcuna potesse anche interessare. Proviamo, se poi in corso d'opera noto che non gli importa a nessuno la toglieremo. Per ora partiamo con il libro che ho appena finito. Lo scrittore è islandese, di Reykjavik,è sia uno scrittore che uno sceneggiatore, ha lavorato come giornalista, come critico cinematografico e alla fine si è dedicato ai suoi romanzi. 
Il romanzo è ambientato in Islanda, un ambiente di soldi facili, speculazioni finanziarie, debiti e gente che vive sopra le proprie possibilità. La storia si dipana tra una coppia di scambisti uccisi perchè ne ricattavano forse altri e un alcolista che dà la caccia al suo passato. Questo autore ama cambiare i personaggi principali, non è sempre lo stesso detective che indaga, qui per esempio il protagonista è Oli Sigurour, che osserva la decadenza morale di un Paese che ha perso completamente la propria innocenza. Vi dico subito che non è un detective simpatico, nè empatico, anzi ispira una naturale antipatia, forse perchè troppo cinico, ma la trama è ben sviluppata e il linguaggio è semplice e fluido.
Se qualcuna di voi l'ha letto mi piacerebbe confrontarmi e per chi ancora non l'ha comprato, spero di essere stata utile. Dimenticavo il prezzo è di 9.00, ma su amazon l'ho pagato decisamente meno.


mercoledì 21 gennaio 2015

Carte e perle di vetro ceco

Eccomi bloggherine.....vi auguro uno spendido mercoledì e speriamo che da voi nevichi, qui ahimè solo pioggia, che mi infastidisce non poco. Almeno la neve copre con in suo manto bianco le brutture di una Italia che si degrada ogni giorno di più e mi piange il cuore...ma questo non è argomento di blog. Qui si parla di hobby e creazioni e a questo proposito eccovi lei.....
Io l'adoro letteralmente, realizzata con cartoncino, è stata tagliata a mano per dare alla carta la forma di un ovale. Poi armata di pazienza ho ripreso il disegno del cartoncino con colori a 3d , per dare un minimo di effetto e di profondità ad un disegno altrimenti piatto e questa parte oltre ad avermi divertito, mi è anche venuta benino. Ovviamente il cartoncino di base, quello che scegliete dovrà avere molti strati per poter poi proteggere con lacca o vernice la carta. Se gli strati sono troppo pochi la carta si piegherà e il lavoro sarà rovinato. A questo punto ho praticato 4 fori e usando della catenina ramata ho fatto quello che doveva essere il supporto per permettermi di legare al collo la mia collana, ma non ero soddisfatta. Allora con delle perle di vetro ceco da 6 mm ho dato un po' di luce. Il risultato mi piace talmente tanto che me la tengo!!!!!



lunedì 19 gennaio 2015

Di azzurro e di blu.....

Ciao bloggherine, oggi vi presento una collana particolare, non tanto per la montatura, che come vedete dalla foto è semplicissima, quanto per le perle. Partiamo dalle cose semplici: la parte centrale della collana è creata con una filigrana, dove ho incollato un cabochon ovale dipinto a mano. Qui non si vede bene, ma le sfumature del cabochon sono azzurre e blu. Chiusura a moschettone argentato e tra le perle catena argentata ad anellini sottili sottili. Adesso passiamo alle perle, da 8 mm, prese in fiera. La fiera è quella di Genova: Fantasy&Hobby, che si tiene a novembre e a marzo. Mi piaceva il colore di queste perle, anche la loro consistenza, sembravano fimo, ma non lo sono. Il materiale di cui sono create si chiama fuwa fuwa.

Se siete interessate vi spiego cosa è: 
Fuwa fuwa significa "morbidoso, soffice", si tratta di una pasta per modellare. A differenza del fimo asciuga all'aria e dunque non è necessario avere un forno. Il costo di questa pasta è decisamente accessibile. Il nome le rende decisamente giustizia, perché è davvero morbidissima, decisamente più simile alla plastilina che al fimo.
Va detto che facendo qualche ricerca in internet si capisce subito che i risultati sono meno professionali che col fimo, più che altro per la consistenza del materiale, in più seccandosi all'aria ha il problema che va chiusa molto bene, altrimenti diventa inutilizzabile...Altra pecca è che si rompe facilmente a quanto ho capito e con l'acqua si rovina. So che Perlesandco la vende e ci sono dei colori base, credo si possano anche mischiare fra loro e sbirciando su internet credo che si possa colorare con i colori acrilici quando la si impasta. Direi anche se serve pochissimo colore.
Spero di esservi stata utile.