lunedì 29 giugno 2015

Lo scalpellino di Camilla Läckberg

Ciao bloggherine, oggi non è un post di bijoux, bensì un post su un libro...
Come vedete nel titolo vi ho messo titolo del libro e nome dell'autrice, sperando di suscitare la vostra curiosità, anzi se qualcuno lo ha letto vorrei sapere cosa ne pensa. Se invece siete curiose vado a dirvi di cosa si tratta:

Al largo della località di Fjällbacka, un pescatore di aragoste recupera le reti e trova impigliato il corpo di una bambina. Avverte immediatamente la polizia e gli agenti Patrik Hedstrom e Martin Molin, ma appena Patrik vede il corpicino della bambina ha un colpo al cuore: sa chi è. Il medico legale ha effettuato l'autopsia del corpo della piccola Sara e ha rinvenuto dell'acqua dolce e del sapone nei suoi polmoni. Questo significa che non è stato un incidente a causare la morte della piccola Sara ma che è stata uccisa in una vasca da bagno e poi gettata in mare. Nello stomaco di Sara viene rinvenuto anche della cenere e questo è davvero un mistero. Patrik ed Ernst incominciano ad interrogare i genitori di Sara per sapere se conoscono chi potrebbe aver avuto dei rancori verso di loro. I genitori della piccola Sara non sanno cosa rispondere, non hanno proprio idea di chi potrebbe essere così vigliacco e cattivo per uccidere la loro figlia. La nonna di Sara ha una certezza, la colpa è sicuramente del loro vicino di casa Kaj Wiberg e per accentuare questa convinzione inventa, in un secondo momento, anche delle false accuse. Il romanzo continua con le indagini della polizia su tutti i personaggi di questa storia. Un indiziato rivela che era con l'amante, si viene a sapere che un altro personaggio è coinvolto in un ben più grave reato e grazie ad un colpo di fortuna Patrik scopre anche un altro reato di omicidio. 

I personaggi sono delineati davvero molto bene, ci si affeziona a loro, si partecipa alle loro problematiche, anche a quelle personali. La trama è davvero interessante, ricca di colpi di scena, mai banale, vi terrà incollati alle pagine. Non è il classico giallo, il classico thriller da spiaggia, che a metà libro hai già capito tutto e lo leggi solo per avere la conferma, qui le cose non sono come sembrano e la componente psicologica e privata dei personaggi non è di secondaria importanza. Se non avete ancora deciso cosa portarvi in vacanza ve lo consiglio, inoltre questa scrittrice è stata una scoperta per me....